Palazzolo Acreide

Il Castello e il quartiere medievale
Il Castello e il quartiere medievale (PHOTO: Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)

Palazzolo Acreide (pronuncia /palaʦˈʦɔlo aˈkrɛide/; in siciliano Palazzuolu) è un comune italiano di 8 498 abitanti del libero consorzio comunale di Siracusa in Sicilia.

Città barocca dalle radici greche, situata nei Monti Iblei e non distante dal fiume Anapo e la Necropoli Rupestre di Pantalica.

Così come riporta Tucidide, la città trae origine da Ἄκραι (Ákrai) che derivando dal greco ἄκρα (ákrā) altro non significava che “cima, picco, estremità” ma anche “castello o cittadella che domina una città“.

Per quanto riguarda invece “Palazzolo” si tratta di un’aggiunta successiva, in epoca medievale. Trae chiaramente origine dal latino palatium con l’aggiunta del suffisso -olum che diventò quindi “Palatiolum“, divenendo infine il “Palazzolo di Ákrai“. Tutt’oggi una delle zone più elevate del comune è chiamata “palazzu“.

Palazzolo Acreide dista 44 chilometri da Siracusa; 39 chilometri da Ragusa, e 91 chilometri da Catania. È situato nella parte ovest della provincia, sui monti Iblei.

L’esistenza di Palazzolo Acreide viene testimoniata da Tucidide nella Guerra del Peloponneso già in epoca antica

«Acre e Casmene furono fondate dai Siracusani: Acre settant’anni dopo Siracusa, Casmene vent’anni circa dopo Acre. Anche la colonizzazione più antica di Camarina si deve attribuire ai Siracusani, circa centotrentacinque anni dopo che si fondò Siracusa; ne furono nominati ecisti Dascone e Menecolo.»
(TucidideLa guerra del Peloponneso, Libro VI 5)

Era quindi una colonia siracusana fondata attorno al 664 a.C. (70 anni dopo la fondazione di Siracusa) dagli stessi siracusani. Della città antica si conservano numerose testimonianze, in particolare un importante edificio teatrale e un complesso di edifici adiacenti all’agorà greco-romana. Di una strada urbana identifica con il decumano si conserva integro il manto stradale. Molti degli edifici e dei complessi cimiteriali cristiani furono esplorati e dal Barone Gabriele Judica di Bauly. Delle ricerche effettuate dal nobile archeologo si conserva una dettagliata relazione in una pregiata edizione del 1819, oggi piuttosto rara, ma di facile reperimento nelle biblioteche specializzate. Le ricerche archeologiche hanno evidenziato una fase anteriore alla colonizzazione greca, d’interesse è a questo proposito la necropoli della Pinita un complesso di sepolcri scavati lungo una ripida parete di calcare, che molto si assomiglia alle maestose sepolture di Pantalica, della popolazione che vi seppellì i propri defunti si conosce poco, già svutotati nell’antichità hanno restituito alcuni manufatti noti all’Orsi, molto interessante è un sepolcro per la caratteristica volta micenea a testimonianza dei rapporti con il mondo greco ed egeo. altri luoghi di interesse sono l’antro di Sparno e alcune grotte-sepolcro nei pressi di Bauly.

Il Teatro Greco (PHOTO: Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)

La città greca sorgeva sull’altura del monte Acremonte, in questa località sono stati nel tempo localizzati un Aphrodision (Heraion?) e altri edifici religiosi citati nell’iscrizione Kaibel 217. Di notevole importanza storica e il santuario extraurbano di Cibele identificato dal marchese Paolo d’Albergo e successivamente fatto conoscere dal pittore francese Jean Houel che visitò Palazzolo nel 1777.

«Di ritorno a Palazzolo, visitando le chiese, ho visto in quella di San Sebastiano un quadro di Santa Margherita. È di Vito d’Anna, pittore di Palermo, ed è una bella opera di questo abile maestro. La composizione e semplice vera, di estrema finezza nei colori e di grande stile. Sull’altare maggiore della chiesa dei Cappuccini, presso i quali alloggiavano, c’è un quadro di grande valore che rappresenta San Francesco mentre riceve le stimmate della Mano da Dio. A una bella espressione credo sia stato dipinto dal Monrealese.»

akraion
La moneta di Akrai, AKPAIΩN (212 d.C.)

Durante il periodo greco la città coniò una moneta con l’effigie della dea Demetra e si arricchì di importanti edifici civili, al regno di Gerone II, probabilmente nato o cresciuto in questa località, si deve il riordino urbano dell’abitato in epoca ellenistica. Del periodo romano si conservano parecchie testimonianze tra queste ad esempio la base di una statua onoraria dedicata a Caio Verre intercettata da Gabriele Judica. In epoca tardo antica e cristiana la città accolse una numerosa comunità di cristiani e di ebrei che migrarono dopo l’editto del 18 giugno 1492 che espelleva dai domini spagnoli le comunità israelitiche.

zona archeologica intagliatella
Zona archeologica – Intagliatella (PHOTO: Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)

Alla presenza dei cristiane delle catacombe urbane dell’Intagliata e dell’Intagliatella, ma anche e soprattutto un cospicuo numero di catacombe rurali note alla letteratura scientifica. Importanza notevole rivestono in questo contesto le iscrizione greche e cristiane studiate da Giovanni Pugliese Carratelli. in epoca moderna la città è tornata ad essere oggetto di scavi e di studi che hanno favorito una migliore comprensione della storia dell’abitato antico. Impulso notevole hanno esercitato le ricerche di Clelia Laviosa, Luigi Bernabò Brea, Beatrice Basile, Salvatore Distefano, Giuseppe Voza, Lorenzo Guzzardi.

La città antica fu distrutta dalle truppe islamiche nell’827 si accamparono nei suoi pressi in attesa di occupare Siracusa. Di recente le ricerche sono state riprese dall’Università di Varsavia che ha condotto nell’area della città greco-romana alcune campagne di scavo.

Nella seduta del 27 giugno 2002 a Budapest, durante la XXVI Sessione Plenaria dell’UNESCO, la chiesa di San Sebastiano e quella di San Paolo di Palazzolo Acreide sono state dichiarate monumento patrimonio dell’umanità.

Monumenti e luoghi d’interesse

Chiese

Le chiese di San Paolo e San Sebastiano sono state dichiarate patrimonio dell’umanità da parte dell’UNESCO.

basilica di san paolo palazzolo acreide
Basilica di San Paolo (PHOTO: Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)
chiesa di san sebastiano
Chiesa di San Sebastiano
(PHOTO: Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)
Chiesa Madre
Chiesa Madre di San Nicola
(PHOTO: Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)

chiesa dell'annunziata
Chiesa dell’Annunziata
(PHOTO: Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)
chiesa di san michele
Chiesa di San Michele
(PHOTO: Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)
  • Basilica di San Paolo;
  • Basilica di San Sebastiano;
  • Chiesa di Santa Maria della Medaglia;
  • Chiesa Madre di San Nicola;
  • Chiesa Madonna Annunziata;
  • Chiesa Sant’Antonio;
  • Chiesa delle Sacre Stimmate di San Francesco;
  • Chiesa di Santa Maria Maddalena;
  • Chiesa dell’Immacolata, con al suo interno una Madonna col Bambino di Francesco Laurana, risalente al XV secolo;
  • Chiesa di San Michele;

Architetture

castello medievale palazzolo acreide
Il Castello medievale (PHOTO: Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)
santa lucia di mendola
Santa Lucia di Mendola
(PHOTO:Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)
grotta di senebardo
Grotta di Senebardo
(PHOTO: Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)
  • Castello Medievale;
  • Catacombe Santa Lucia;
  • Grotta Senebardo;
  • Concerie
  • Intagliata – Intagliatella;
  • Palazzo comunale;
  • Teatro Greco;
  • I Santoni;
  • Palazzo Judica (poi Lapira) (1790) conservava una raccolta di antichità acrensi, ora divise fra Lentini e Siracusa, la cui facciata è caratterizzata da singolari decorazioni barocche che evidenziano i balconi delle torrette angolari;
  • Palazzo Iudica-Cafici (poi Caruso), caratterizzato da una lunga balconata a 27 mensoloni, considerata da taluni la più lunga al mondo.

Musei

palazzolo-acreide-museo-dei-viaggiatori
Museo dei viaggiatori in Sicilia (PHOTO: Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)
museo dell'informatica funzionante
Museo dell’informatica funzionante
casa museo - casa ri stari
Casa-museo di Antonino Uccello – “Casa ri stari (PHOTO: Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)
ecomuseo acrense centro studi iblei
Ecomuseo Acrense – Centro Studi Iblei (PHOTO: Andrea Latina – Archivio Centro Studi Iblei)
  • Museo archeologico Gabriele Judica
  • Museo dei viaggiatori in Sicilia
  • Museo dell’informatica funzionante
  • Centro Espositivo Museale delle Tradizioni nobiliari. Nella splendida cornice barocca di Palazzo Rizzarelli-Spadaro, un suggestivo percorso che illustra la storia, gli usi e i costumi di un’antica famiglia di origine francese, attraverso cinque generazioni, dai primi dell’Ottocento fino agli anni ’70 del Novecento.
  • Casa-museo di Antonino Uccello. Contiene un’interessante raccolta di materiale etnografico siciliano. Fu aperto dal fondatore nel 1971. Alla sua morte nel 1979 fu acquistato dalla Regione siciliana. In una frase di Antonino Uccello si racchiude il significato di una vita dedicata alla memoria della propria terra: Un museo etnografico potrà notevolmente contribuire a salvaguardare almeno in parte il materiale di studio, a educare e sensibilizzare l’opinione pubblica, per non dire poi degli ovvi vantaggi che se ne dovrebbero ricavare sul piano scientifico, culturale e turistico.
  • Ecomuseo Acrense – Centro Studi Iblei. Un Museo a cielo aperto per Palazzolo Acreide e il suo territorio. Sede del Centro Studi Iblei e dell’ECObiblioteca.

Tradizioni e folclore

Le manifestazioni che hanno un’antica tradizione popolare nel paese sono: le feste in onore di san Paolo, san Sebastiano, san Michele, l’Addolorata, la Santa Pasqua, il Carnevale e le “rappresentazioni classiche”.

Le feste in onore dei santi si svolgono quasi tutte con uno stesso cerimoniale, ma quelle con il maggior coinvolgimento popolare sono quella in onore di san Paolo, patrono della città (25 gennaio e 29 giugno), quella dei san Sebastiano (20 gennaio e 10 agosto), quella dell’Addolorata (terza domenica di settembre e venerdì santo) e quella di San Michele (domenica successiva al 29 settembre, quando questa data non cade di domenica, e 8 maggio).

I festeggiamenti, fino agli anni sessanta, duravano circa una settimana, in quanto si tenevano, per l’occasione, fiere di bestiame note in tutta la Sicilia. Oggi i festeggiamenti durano tre giorni. Nel primo giorno si svolgono concerti di musica leggera al Giardino Pubblico (‘a sirata a villa)solo per San Paolo (27 giugno) e San Sebastiano (8 agosto). Nel secondo giorno (‘a vigilia) avviene la svelata del santo nell’altare maggiore della chiesa di appartenenza (‘a sciuta ra càmmira)

Il terzo giorno è quello dei festeggiamenti veri e propri: le messe solenni, quelle cantate, il panegirico e, alle tredici, l’uscita del santo dalla chiesa (‘a sciuta ri manziornu), tra scampanii, fuochi artificiali e lancio di ‘nzareddi, portato, secondo la tradizione, a spalla (‘a spadda nura) e seguito da fedeli, soprattutto donne, a piedi nudi (‘u viaggiu scausu), che adempiono allo scioglimento di un voto. Il santo viene fatto uscire anche di sera, verso le ore 20, e condotto per tutto il paese, secondo itinerari tradizionali, accompagnato dalle bande musicali e dai fedeli. I festeggiamenti si concludono nella tarda notte o nelle prime ore del mattino con l’esibizione di cantanti o altri spettacoli e con il grande finale di fuochi d’artificio.

Da segnalare infine la festa con processione dell’Immacolata (8 dicembre), ripristinata da qualche anno. Come tradizioni gastronomiche ricordiamo la “salsiccia palazzolese”, le paste di mandorle, la produzione di olio extravergine d’oliva….ed anche squisiti piatti con i sapori dell’ambiente circostante: timo, asparagi, finocchietto selvatico, origano, “aiti”,”amareddi” e altre ancora.

Qualità della vita

Nel 2002 è stata insignita del titolo di Patrimonio dell’Umanità da parte dell’UNESCO, insieme con le altre città tardo barocche del Val di Noto.

La cittadina fa inoltre parte del circuito dei borghi più belli d’Italia.

Articoli su Palazzolo Acreide

palazzolo acreide
gestione

Paolo Giansiracusa – La Grotta dei Santi di Contrada Pianette

La Grotta dei Santi di Contrada Pianette (1984) La recente opera di pulitura dell’ipogeo di Contrada Pianette, denominato Grotta dei Santi a motivo dei tredici affreschi che ne decorano le pareti, ha messo in luce in tutta la sua superba bellezza uno dei più interessanti monumenti del territorio acrense. L’opera,

Leggi di più »
Condividi con - Share with